Carregando Conteúdo
x
WhatsApp (55) 3199941 4532
Brasil & Itália

Dicas e Ideias

0.0 - I FANTASMI E LA LEGGENDA DI AZZURRINA - in italiano

azzurrina-1075x640(1).jpg

Clica na imagem acima para ler o texto em português 
Clicca sull'immagine sopra per leggere il testo in portoghese 

     

 

Sai come nasce una leggenda?
Da una storia vera.


La dinamica è simile a quella del noto gioco per bambini "passaparola". 
E la stessa cosa succede con le storie di famiglia.
Qualcuno racconta un fatto accaduto nella tua vita o nella vita di qualche membro della famiglia, che esalta una parte e ne nasconde un'altra.

 

Come nel gioco del "passaparola", in cui si sussurra all'orecchio dell'altro qualcosa; nelle famiglie alcune cose sono sussurrate, i fatti sono scambiati tra mezze verità e mezze menzogne.


Quindi creiamo miti (leggende), che possono essere integratori o disintegratori.

 

I miti integratori o simbolici (che uniscono, che connettono) sono salutari. Per qualcosa di difficile da comprendere, viene quindi creata una storia per facilitare l'integrazione del fatto nella realtà di quel momento. Ad esempio, la morte di un nonno può essere raccontata al nipote come il momento in cui il suo amato nonno è diventato una piccola stella nel cielo.

 

I miti sacri di tutte le culture cercano di integrare Cielo e Terra, l'ignoto al conosciuto, l'incomprensibile al comprensibile. Proprio come il nostro inconscio usa il linguaggio simbolico per riunire i nostri due mondi: esteriore e interiore, apparenza ed essenza.

 

Ma secondo la cultura, la religione, lo stato sociale, il grado di perfezione e la vanità, può accadere il contrario nelle nostre famiglie: fatti dolorosi o vergognosi sono nascosti, creando segreti inconfessabili, dove è installato un mito diabolico. Diabolico perché divide, dà un doppio messaggio, escludendo qualcosa che fa parte del sistema, del REALE, del TUTTO. Qui compaiono le follie, le tragedie, come se fossero fantasmi che, di volta in volta, appaiono e perseguitano.

 

Essendo in Italia, per stagioni più lunghe, ho avuto l'opportunità di visitare città e castelli medievali. Nei castelli ci sono molte leggende e anche molti fantasmi!

 

E chi sono i fantasmi?

 

L'etimologia della parola fantasma deriva dal greco "phantázein" quello che appare, anche derivato di "phainein" - mostrare. Questa parola e il suo significato sono collegati alla luce "phos", perché la presenza di esso ci mostra cosa c'è da vedere.

 

Fantasma è tutto ciò o qualcuno che, per qualche ragione, è stato escluso erroneamente dal campo visivo del sistema, sia esso per la vergogna, per il dolore, per la sofferenza, per il trauma, per essere disintegrato da TUTTO.

 

Il punto è che ciò che è stato indebitamente escluso dal tuo sistema "apparirà" come un "arto fantasma", che poi ti perseguiterà attraverso sintomi, follie, ripetizioni di tragedie o materializzarsi in un nuovo membro nelle generazioni successive.

 

È come se il fantasma (gli esclusi), di tanto in tanto, sembrava dire al suo sistema:

- Mi hai cancellato, ma sono qui !!! Sono qui !!

 

Questo "fenomeno" può accadere in varie circostanze, come quando perdiamo un arto in un incidente e continuiamo a sentirlo. Anche quando escludiamo un sentimento che "ci appare" sotto forma di un sintomo, o una situazione traumatica che "ci appare" in incubi onirici.

 

I fantasmi ci perseguitano perché non vogliamo vederli e integrarli nelle nostre vite!

 

Sono le nostre ombre che insistiamo  nascondere, escludendo. 
 

E mentre ci nascondiamo qualcosa che ci ha traumatizzato o messo in imbarazzo, creiamo un aspetto bello e perfetto, al di là di ogni sospetto.

 

E poi, visitando il castello di Montebello in Emilia Romagna, ho incontrato un pò di più su un fantasma molto famoso qui: Azzurrina.

 

... aveva gli occhi  color del cielo e i capelli chiari coi riflessi azzurrini... 

 

Azzurrina discendeva da una famiglia molto ricca, i Malatesta. Possedevano molte terre e molti regni, dove i matrimoni venivano ingaggiati dalla chiesa e dallo stato per unirsi alle famiglie nobili, aumentare il potere e anche placare le guerre.

 

La leggenda dice che Azzurrina, protagonista di un fatto triste, era una bambina di 8 anni, albina e occhi azzurri.

 

Ma in quell'epoca medievale, le donne albine erano considerate streghe e avrebbero poteri soprannaturali e demoniaci, quindi non erano ben viste.
Questa storia, raccontata per tre secoli, è piena di elementi fantastici, affascinanti fino ad oggi.

 

La leggenda narra che Azzurrina sia nata albina e la diversità dell'altro è qualcosa che ha sempre spaventato l'essere umano, a volte portando a credere che il miglior rimedio sia eliminare il diverso.

 

Quindi, per difendere (o nascondere) sua figlia, i suoi genitori le hanno tinto i capelli con un inchiostro che li ha resi bluastri.

 

Per questo motivo, suo padre decise di tenerla sotto l'osservazione di due guardie: Romenico e Ruggero e non le permise di uscire di casa per proteggerla dai pregiudizi e da ciò che la gente avrebbe detto di lei.

 

Si racconta che nel dicembre del 1383, mentre suo padre era assente, in una battaglia, Azzurrina, sorvegliata dalle due guardie, giocava nel castello di Montebello con una palla di stoffa mentre fuori c'era una forte tempesta.

 

Secondo la leggenda, la sua palla cadde al piano di sotto e Azzurrina scese dietro di lei. Anche i guardiani della bambina la seguirono, ma cadde dalla cima di quella scala verso l'interno del castello dove c'era un grande mucchio di neve (ghiacciaia). Le guardie udirono un urlo orribile, ma quando arrivarono, non trovarono nulla.

 

Si dice che il corpo di Azzurrina non sia mai stato trovato ...
 

E la leggenda dice che il fantasma di Azzurrina è ancora nel castello e che appare ogni 5 anni, in concomitanza con il solstizio d'estate.

 

Fino ad oggi, molti studiosi vanno al Castello di Montebello per studiare i fenomeni soprannaturali che si svolgono lì. Ci sono anche le registrazioni di un bambino che chiama "mamma", anche storie di oggetti che cambiano luoghi e così tanti casi di fantasmi che vivono in questo castello, oltre al fantasma della bambina.

 

Alcuni storici hanno studiato di più sulla leggenda di Azzurrina e trovato altre risposte ai fatti, arrivando a un'altra narrazione:

 

Il signore del castello Montebello era sposato con la figlia dell'allora imponente famiglia Malatesta. Ma era brutto, insipido, più vecchio e zoppo. Il matrimonio è stato proposto per unire i possedimenti e i poteri delle due famiglie.

 

Ma la sua bella e giovane moglie lo aveva sempre tradito.

 

Rimase incinta e suo marito si aspettava che loro avessero un figlio maschio. Ma nacque una bambina, che si chiamava Adelina. Il punto è che Adelina era molto diversa dal punto di vista fisico, perché era nata estremamente bionda e con gli occhi azzurri, che registravano un tradimento.

 

Quindi il sospetto qui è che questo marito tradito, per la vergogna, ha dato il modo di "scomparire" con la bambina, frutto dell'adulterio di sua moglie.

 

Storia o leggenda, il punto è che i fantasmi sono indebitamente esclusi dal loro sistema di appartenenza!
 

Il suggerimento è di prestare molta attenzione ai nostri fantasmi!!
 

E quando appaiono, possiamo dire:
_ Va bene! Ti guardo! Sei qui, si!
_ Tu esisti e hai il diritto di esistere!
_ Sei un membro importante della mia storia, sì!

 

E possiamo fare domande:
_"Ma chi sei?"
_ Di cosa hai bisogno?
_ Chi ti ha escluso?
_ Come posso includerti e darti un posto d'onore nella mia storia?

 

Possiamo anche ampliare questa idea e vedere questo fenomeno socialmente e persino a livello globale.
Quando "vediamo" (non volendo vedere) gli esclusi sociali o qualsiasi altra forma di esclusione, invece di spaventarci con i "fantasmi", dobbiamo considerarli come parti indebitamente escluse del nostro SISTEMA.

 

WhatsApp%20Image%202018-05-25%20at%2021_

Autrice – Jaqueline Cássia de Oliveira
Psicoterapeuta Familiare Sistemica – Brasile e Italia 

 

 

LA PSICOGENEALOGIA SISTEMICA APPLICATA®

 

La psicogenealogia è un argomento relativamente nuovo e la psicologa e psicoterapeuta Jaqueline Cássia de Oliveira è una dei pionieri di questi studi e lavori in Brasile.
 

Sull'argomento, ha elaborato i materiali didattici: Psicogenealogia Sistêmica - Il romanzo familiare raccontato dal genogramma (con oltre 1.000 lettori) e Chi sono gli antenati? (2018), di Interação Sistêmica Edições. 
 

Tradotto e presentato il libro: Jung, Psicogenealogia e Costellazioni Familiari© di Maura Saita Ravizza, per la Interação Sistêmica Edições. 
 

Presentato il libro Psicogenealogia: Um novo olhar sobre a transmissão da memória familiar  (Psicogenealogia: Un nuovo sguardo alla trasmissione della memoria familiare),  della sua collega Monica da Silva Justino.
 

Dal 2011 al 2016, con la Interação Sistêmica®, ha organizzato e tenuto corsi e seminari sul tema e transgenerazionalità Psicogenealogia sistemica, che riunisce più di 700 professionisti, tra cui psicologi, psicoterapeutici sistemici e terapeutici di Costellazioni familiari provenienti da varie regioni del Brasile.
 

Ha nominato i suoi studi e i suoi lavori sulla transgenerazionalità (all'interno della visione di Psicogenealogia, Terapia sistemica di famiglia e Psicologia archetipica e immaginale) come Psicogeneologia sistemica applicata®.
 

Ha fatto sua formazione in psicogenealogia attraverso corsi e studi del suo genossociogramma in Italia e in Argentina con importanti professori e teorici.

 

Vive tra Brasile e Italia e lavora come psicoterapeuta sistemica e psicogenealogista on-line (Skype). 

 

WhatsApp (55) 31 99941 4532